Navigazione veloce

Chi siamo

La nostra storia: la nascita del liceo Publio Virgilio Marone

Il nostro liceo, dedicato al celebre poeta mantovano,nasce nell’ anno scolastico 2007/2008,in continuità con la tradizione pedagogico-umanistica dello storico Istituto “P. Emilio Imbriani”, già istituito nel 1866,  come Scuola Magistrale Femminile in cui venivano formate le insegnanti che avrebbero educato, con competenza e non senza difficoltà,i cittadini dell’Italia unita.

La scuola ebbe un riconoscimento statale grazie a Francesco De Sanctis che, nel 1875, avviò la pratica per renderla parificata. Il decreto di pareggiamento arrivò il 19 giugno 1883, ma solo dal 1° ottobre 1885,con R. Decreto divenne Scuola Normale Femminile Governativa.

Con la Riforma Gentile nel 1923 divenne R. Istituto Magistrale “P.E.Imbriani” e venne aperta anche ai maschi.

Negli anni ’80 e ‘90 furono richiesti e messi in atto con successo gli indirizzi sperimentali del Linguistico,del liceo Sociopsicopedagogico,dello Scientifico –Tecnologico, del liceo Classico, del liceo delle Scienze Sociali.

Negli anni, grazie alla validità della proposta educativa, è diventato uno degli Istituti più frequentati della nostra città, tanto da rendere necessaria una divisione che ha reso possibile,come dicevamo,la nascita del Liceo “Publio Virgilio Marone”,venuto configurarsi a seguito dell’attuale Riforma(Decretol.89 del 15/03/10), in Liceo delle Scienze Umane,Liceo Economico-Sociale e Liceo Classico.

L’intitolazione a Publio Virgilio Marone non è una scelta casuale, ma evidenzia l’ispirazione umanistica dell’Istituto e individua il poeta latino quale riferimento aulico della cultura italica e come autorevole fonte di notizie antichissime su diverse località irpine (come la Valle d’Ansanto e la ‘pomifera Abella’). Il rispetto di una tradizione scolastica e le poetiche citazioni di luoghi irpini altro non sono che un’affermazione programmatica: la cultura in generale e l’esperienza didattica in particolare sono anche momenti di conoscenza, di identità e di valorizzazione del territorio. Punto di forza dei percorsi didattici è sempre stata la centralità della persona nella globalità delle sue esigenze. Non a caso, fin dall’a.s 2010/2011, la scuola è stata proclamata Ambasciatrice dell’UNICEF e insignita del titolo di Scuola amica dei bambini e dei ragazzi .In questi anni, infatti, l’azione educativa proposta dal Virgilio si è posta in piena sintonia con i principi fondamentali della Convenzione dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza che prevedono l’ascolto attento delle bisogni formativi del minore, il rispetto dei temi dell’inclusione,della non discriminazione e delle pari opportunità attraverso uno stretto contatto con le problematiche del territorio, mostrandosi aperta alle istanze della società attraverso la crescita e l’ampliamento dei suoi percorsi formativi.